22 gennaio 2016

Importante per gli artigiani

IMPORTANTE PER GLI ARTIGIANI

Capita spesso che sui veicoli degli artigiani sia trasportata merce anche di rilevante valore come: attrezzatura, ricambi, elettrodomestici, mobili,  strumenti, merci da consegnare ecc.

In caso di sinistro, farsi pagare i danni subiti dalle cose trasportate può essere un'impresa non da poco !

L'assicurazione può sollevare un mucchio di problemi, come : mancanza del nesso causale (in caso di danni lievi ai veicoli), prova dell'esistenza delle cose danneggiate, prova della proprietà, del valore,
dell'economicità delle riparazioni, ecc. ecc.
Due casi esemplari, da noi patrocinati, riguardano  un autocarro ed un motocarro di un vetraio che, nel giro di pochi mesi, sono stati entrambi tamponati mentre trasportavano vetri. A seguito dell'urto tutti i vetri si sono crepati e/o scheggiati. L'assicurazione ha contestato tutto il possibile e l'immaginabile pagando solo dopo estenuanti trattative, reclami all'IVASS ed imminente citazione in giudizio.
Questa esperienza, oltre alle decine di altri casi analoghi, c'induce a consigliare di attenersi alle seguenti cautele ed attenzioni:
- Chiamare sempre l'autorità a rilevare il sinistro e chiedere di verbalizzare la presenza di cose trasportate con descrizione dei danni visibili,
- Se l'autorità rifiuta l'intervento per qualsiasi motivo, compilare attentamente la CAI (Constatazione Amichevole di Danno) e annotare nelle caselle 14 (Osservazioni) di entrambe le colonne :" Danni a cose trasportate sul veicolo .....(A,o B)". In questo modo la controparte attesterà, con la sua firma, la presenza di cose trasportate e danneggiate.
- Identificare eventuali testimoni segnalando loro la presenza di cose trasportate e danneggiate.
- Fotografare sul posto gli automezzi coinvolti e le cose danneggiate mentre si trovano ancora sul veicolo.
Queste pratiche richiedono molta competenza ed esperienza. Quindi meglio farsi assistere da un esperto.
Noi, con oltre 7.000 sinistri patrocinati, siamo certi di avere le carte in regola per offrire l'assistenza più efficace e corretta.

20 gennaio 2016

L' indennizzo diretto è stato inventato dalle assicurazioni 

per risparmiare sul costo dei sinistri.

Quindi ?

Prova un po'ad indovinare : chi ci rimette ?

 Infortunistica Assiromagna Snc sta dalla tua parte.

Non dimenticare questo numero

0544 31289


21 maggio 2015

Signor Sindaco....

Oggi, 15/4/2016, i pericoli per i pedoni, segnalati  un anno e mezzo fa, sono ancora lì in bella mostra a testimoniare l'intollerabile degrado delle nostre strade ed il disinteresse del Comune per il decoro della città e la sicurezza dei cittadini. Questi luoghi sono vicino alla stazione e molto frequentati da turisti. Che bel biglietto da visita !!


Egregio Signor Sindaco,
Quando passeggia per Ravenna, caso mai parlando al telefonino, faccia attenzione dove mette i piedi perché, specialmente se passa per le vie ed i punti sotto indicati, c'è da azzopparsi.

Viale Pallavicini, angolo via Carducci:


Viale Pallavicini, vicino hotel Italia:


Via Circ/ne Piazza d'Armi, civico 126:



La preghiamo di attivarsi e disporre l'urgente ripristino della sicurezza nei luoghi sopra indicati.
Cordiali saluti.

06 maggio 2015

A proposito di strade ben tenute...

Se non volete azzopparvi, fate molta attenzione quando passate per viale Pallavicini, proprio all'angolo con via Carducci, dove sul marciapiedi c'é il buco che si vede nella foto. E' pericolosissimo e specialmente di sera ci si può rompere una gamba. E' vero che Infortunistica Assiromagna Snc può darvi tutta l'assistenza stragiudiziale necessaria per ottenere il giusto risarcimento ma, se state alla larga da quel buco, è meglio!
Ricordatevi che siamo sempre e soltanto dalla vostra parte.


ATTENZIONE !  Oggi 15/4/2016 il buco é sempre lì ed é ancora più pericoloso perchè coperto dall'erba, nel frattempo cresciuta.